IIS Tecnico Industriale Geometri

PoliCultura 2017

Print Friendly, PDF & Email

La classe 5 AET-Elettrotecnici ha partecipato con successo al Concorso Nazionale PoliCultura 2017 del Politecnico di Milano

 

Commento della Giuria al progetto della 5AET

Titolo della narrazione: The power of beauty

Interessante progetto che si sviluppa intorno all’acqua e al suo potere: bellezza straordinaria nelle vesti della Cascata e forza ed energia pulita prodotta nelle centrali. La narrazione rappresenta nella sua articolazione il legame fra la scuola, il territorio e l’elemento che lo domina. Si percepisce a partire dal progetto e soprattutto si rispecchia nella narrazione il grande lavoro di ricerca compiuto dalla classe, anche grazie all’aiuto di esperti esterni per ricostruire il legame con il territorio e con le centrali che generano energia pulita. L’utilizzo della lingua inglese ha favorito inoltre l’acquisizione di un linguaggio tecnico specifico. La tecnologia ha supporto le varie fasi di sviluppo della narrazione attraverso spazi di condivisione e scambio, presentazione e ricerca. Ruoli assegnati in base al talento e alla propensione. Anche tutti i problemi tecnici sono stati risolti dai ragazzi che hanno condiviso strategie e soluzioni in base alle risorse disponibili. Piano editoriale ricco ed equilibrato, audio puliti e ben mixati con il sottofondo musicale. Ottimo corredo iconografico, pertinente e vario (foto d’epoca, fotografie, immagini, grafici), ulteriore testimonianza della grande ricerca fatta. Lettura in inglese abbastanza scorrevole.  Il legame con la realtà che ci circonda è uno dei punti centrali della ricerca della Scuola 3I, così come la multidisciplinarietà, l’interdisciplinarietà e l’utilizzo consapevole della tecnologia. In tal senso in questa narrazione si ritrova il vero spirito ingegneristico, che da sempre ha portato l’uomo a modificare il mondo che lo circonda, per adattarlo e migliorarlo secondo le proprie esigenze. L’Ingegnere è colui che interviene in prima persona, senza temere di “sporcarsi le mani” per plasmare e modificare l’esistente, dagli oggetti concreti e materiali fino ai processi più astratti. Questa narrazione mette in luce tutte le caratteristiche che rendono il lavoro dell’ingegnere affascinante e interessante: complimenti!